Politica: Identità digitale, Craxi è tornato ed in rete ha sentiment positivo al leader socialista abbinate parole positive e non più negative

“Bettino Craxi e’ tornato, in rete matura un nuovo giudizio sulla figura dell’ex Presidente del Consiglio”. E’ la sintesi di Identità Digitale guidata da Helene Pacitto che, con la collaborazione del giornalista Gaetano Amatruda, ha letto la rete.</p>

“Abbiamo monitorato innanzitutto – sottolinea Pacitto – la rete negli ultimi tre mesi con la metrica ‘Hammamet’. L’uscita del film di Gianni Amelio ha riacceso un grande riflettore e sviluppato una discussione reale. Si sono registrate 14,6k menzioni, un engagement, coinvolgimento totale della rete, di 344,1K con una portata potenziale di 6,7B. Il sentiment positivo per il 12%, negativo per il 20% e, di fatto, neutro per il resto”.

“Il themecloud monitorato in linea con il sentiment della rete. I 25 temi correlati ad ‘Hammamet’ vanno da Craxi ad Amelio, da Favino a Leader, da storia a partito. Tutti – aggiunge ancora Pacitto – positivi e mai offensivi o negativi. Gli influencer che hanno generato più traffico sono stati vari e vanno dai social ai siti. Al primo posto il profilo Facebook di 01Distrubuzione, poi i siti dei principali quotidiani italiani seguiti da singoli soggetti”.
“Abbiamo effettuato poi – dichiara Pacitto – una comparazione fra la parola ‘Hammamet’ e Bettino Craxi, naturalmente viaggiano sulla stessa lunghezza d’onda. Per Bettino Craxi, dal 14 ottobre, abbiamo registrato dati sorprendenti con un engagement di 406.4k. Interessante il themecloud realizzato su Bettino Craxi. La ‘nuvola’ sui temi principali correlati al leader socialista vanno da Repubblica a Parlamento, da italiano a sinistra, da figlio a piazza. Non compaiono più parole come tangentopoli, ladro, latitante. Per Craxi oltre 13 mila menzioni negli ultimi tre mesi con una portata potenziale di 11,3B. Un boom a Gennaio, un sentiment positivo per il 15%, negativo per il 21 % e neutro per il resto. Numeri che raccontano un fatto storico anche considerando la composizione della platea che discute, per il 22,9% quelli di una età compresa fra i 18 e 24 anni, e per il 46,8% quelli compresi fra i 25 e 34 anni”.

 “In rete – precisa Amatruda – ci siamo imbattuti nel pezzo più cliccato, riportato da una testata nazionale dal titolo ‘Ah se ci fosse un leone della politica estera, invece abbiamo Di Maio’ che è stata condiviso su Facebook circa 10 mila volte e abbiamo approfondito rispetto alla ingenerosità della sintesi. Sulle citazioni e menzioni totali l’attuale Ministro degli Esteri ha numeri assolutamente maggiori, inarrivabili 131 mila menzioni, ma sul sentiment, il dato si inverte. Nella comparazione Craxi ha sentiment positivo per il 42,1% e negativo per il 57,9%, mentre Di Maio positivo per il 37,9%, e negativo per il 62,1%. Un dato condizionato dalla narrazione positiva intorno al film Hammamet ed al difficile momento internazionale”.